Mutuo Prima Casa per Disoccupati

Guide

Mutui Prima Casa Disoccupati: Situazione attuale

Per coloro che versano in una situazione precaria, oggi giorno è davvero difficile ottenere un mutuo. Per cui i prestiti rappresentano una delle poche modalità per poter accedere al credito sotto tale forma, specie per coloro che che sono senza lavoro. Con una disoccupazione superiore al 12% , soprattutto giovanile, si comprende che questi prodotti sono fondamentali per la collettività.

Per cui è opportuno conoscere quali sono gli enti e le banche che offrono mutui per disoccupati e quali sono i migliori anche se non si hanno garanzie reddituali da dimostrare. Comprare una casa è un sogno di molte coppie, cosi come per i single che vogliono andare a vivere da soli.

Ma come fare se non si ha una busta paga, un posto fisso o un reddito dimostrabile? Nel caso si ha la necessità di acquistare una casa allora si può scegliere tra:

  • Mutuo senza busta paga per l’acquisto della prima casa;
  • Mutuo per l’acquisto della prima casa per coloro che non hanno un posto fisso.

Mutuo Prima Casa per Disoccupati: Come funzionano?

Il mutuo per l’acquisto della prima casa per i soggetti disoccupati si caratterizza perché si tratta di un prestito finalizzato all’acquisto di un immobile, questa somma di denaro non può essere investita per altri scopi. La somma di denaro che viene concessa non copre tutto il costo dell’immobile ma solo il 70%.

Il mutuo in questione fruisce di alcune agevolazioni fiscali e inoltre una piccola parte di interessi riguardanti le tasse può essere sottratta, può avere una durata massima di 30 anni e inoltre l’unica garanzia richiesta riguarda l’ipoteca su un altro immobile. Proprio perché si tratta di un mutuo particolare è stata introdotta la possibilità di usufruire dei tassi ridotti per tutte quelle giovane coppie con o senza figli con una età inferiore a 35 anni.

Ciò permette l’acquisto di una prima casa che abbia una superficie non superiore ai 90 mq. Molte sono le banche che offrono questi prodotti, tra queste ricordiamo Unicredit Banca che offre il Mutuo Progetto Lavoro con la concessione di un prestito di minimo 30.000 euro massimo 200 mila euro e non è richiesta una garanzia reddituale.

Il mutuo potrà essere restituito mediante rate in un arco di tempo non superiore ai 30 anni. Se si desidera avere maggiori informazioni è opportuno consultare l’apposita sezione Mutuo Progetto Lavoro dove sono evidenziati le caratteristiche principali per poter richiedere un preventivo a seconda delle proprie esigenze reddituali.

Mutuo Progetto Lavoro: Quali sono le garanzie e i requisiti?

Questa tipologia di mutuo può essere chiesto dalle coppie giovani che intendono comprare la loro prima casa ma che purtroppo non dispongono di un lavoro fisso, garantendo la concessione del denaro fino a massimo il 70% del valore totale dell’abitazione che si intende acquistare. Mentre coloro che svolgono un lavoro che risulta essere continuo, ossia che lavorano da almeno 60 mesi continuativi allora potranno ottenere un mutuo pari all’80% del valore dell’abitazione.

Inoltre si potrà scegliere tra un tasso di interesse nella forma fissa che varia da 5 a 10 a 15 e fino a raggiungere un massimo di 20 anni, oppure si potrà optare per un tasso variabile. Se il facente richiesta ha bisogno di una somma ingente, allora per ottenere una possibilità in più di avere una risposta positiva al mutuo prima casa per disoccupato sarà opportuno porre una forma di ipoteca su un altro immobile di proprietà avuto in eredità o di terzi; oppure proporre un bene o un immobile che finga da rendita fissa, sotto forma di contratto di locazione.

E’ vero che questa forma di mutuo non necessita di particolari garanzie, non per altro è concesso a tutte quelle persone che non hanno una garanzia reddituale e quindi risultano essere disoccupati, ma è vero anche che se si è in grado di dimostrare di avere a propria disposizione un garante, ossia una persona in grado di garantire per noi e la possibilità di poter pagare le rate, e che in caso contrario si faccia carico del nostro problema economico, oppure si ha a disposizione un bene o un immobile che possa dimostrare di avere una garanzia su cui porre un’ipoteca in caso di mancato pagamento o di difficoltà di pagamento, sicuramente aiuta molto di più ad ottenere un mutuo sull’acquisto della prima casa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.